“My Town Siófok II” – Marietta Varga

THE PROJECT

My Town Siófok II – Marietta Varga. “Raramente qualcosa nella realtà sembra lo stesso dei nostri ricordi. Questa mattina è stata la prima volta in tanto tempo che sono stata in grado di vedere la mia città natale esattamente come esiste nella mia mente.
La piccola città in cui sono cresciuta si chiama Siófok, in Ungheria, e si trova proprio sulla riva del lago di Balaton, il più grande lago dell’Europa centrale.
È spesso chiamata la capitale estiva del paese a causa della sua posizione turistica, con 25.000 abitanti che in estate salgono spesso di sette volte.
Per la maggior parte delle persone Siófok è noto solo come luogo di villeggiatura, con il lago blu e i felici momenti estivi, tuttavia chi cresce qui può vedere la città in un modo completamente diverso.
I luoghi e le cose importanti per me sono totalmente diversi da quelli che sono piaciuti e ricordati dai turisti, e sento che è così che dovrebbe essere. Ho lasciato questo posto 10 anni fa e ogni volta che torno provo una profonda nostalgia.
Penso che crescere qui, ed essere un locale, sia una situazione fortunata in quanto mi permette di mostrare questo posto in un contesto insolito e inaspettato.”


EXHIBITIONS

  • 22.10.2019 – 25.11.2018 | Trieste Photo Festival Fringe 2019 | Sala Xenia | Trieste, Italy
  • 09.12.2019- 09.02.2020 | Trieste Photo Fringe – James Joyce Cafè | Trieste, Italy
  • 24.02.2020- 26.04.2020 | Trieste Photo Fringe – Hops BeerStrò | Trieste, Italy

PHOTOGRAPHER

Marietta Varga è nata nel 1992 in Ungheria. Ha completato i suoi studi in fotografia presso l’Università di Moholy-Nagy di Arte e Design tra il 2013-2016. Attualmente vive e lavora tra Budapest e Siófok. Il suo mondo visivo è descritto come semplice e pulito ed equilibrato, con composizioni dirette con precisione.
La sua sensibilità nell’uso dei colori e la consapevolezza spaziale contribuiscono a creare l’atmosfera unica del suo mondo visivo. Le sue immagini hanno spesso un forte simbolismo in cui gli spettatori possono ritrovarsi in uno strano sogno surreale.

Commenti chiusi